Matematica a teatro: elevamento a potenza in tempo di DAD

Esploriamo i nuovi mediatori didattici: drammatizzazione per l’elevamento a potenza in tempi di DAD. 

Come è possibile interessare gli alunni dopo che la routine ha preso il sopravvento sulla novità della DAD?  

L’obiettivo: ricreare il momento della grande intuizione di un concetto matematico quale l’evoluzione della moltiplicazione. 

Siamo tornati indietro con il tempo tra turbanti, castelli, principesse e reami. È bastato lanciare l’idea e il sipario si è aperto. Il teatro online ha rappresentato una decisiva risorsa che ha messo le menti nella condizione di apprendere con gli altri. Gli alunni divisi in gruppi hanno saputo scoprire ed esaltare la vena artistica e l’intelligenza emotiva che veicola brillantemente l’apprendimento efficace. La corale partecipazione e il copione esilarante ha permesso di agganciare un’operazione matematica ad una attività laboratoriale e ludica. 

Gli alunni, della classe 1B, si sono sentiti coinvolti e stimolati, responsabili e autonomi, sereni della supervisione dell’insegnante. 

Il luogo, dove gli eventi sono presumibilmente avvenuti, e il linguaggio attuale, condito con simpatiche battute, hanno fatto emergere l’umanità di sempre: i ricchi e i poveri, la scaltrezza e la dabbenaggine, l’amore deciso dalle famiglie e l’amore vero. 

Il divertimento è assicurato e, spero, anche la crescita delle competenze logiche matematiche! 

Teresa Berardi, docente 1B

Precedente Fonografie per dirsi "Ciao!" Successivo Esami di terza media: presentazioni multimediali e buone pratiche