Versi… Dalla mia finestra

Su suggerimento della professoressa di Lettere, alcuni alunni e alunne della classe 3E, hanno voluto condividere attraverso questi brevi componimenti, sentimenti ed emozioni relativi al periodo particolare che tutti stiamo vivendo:

Dalla mia finestra…
La primavera nell’aria si sentiva
e nel mio quartiere s’intuiva.
I primi schiamazzi dei bambini
affollavano la strada e i giardini.
Ora tutto si è fermato
e la primavera il silenzio ha portato!
L’asfalto davanti ai miei occhi,
pare che nessuno la tocchi!
Il semaforo che alterna i colori
rosso, verde e giallo son lì fuori.
Come noi sembrano non volersi fermare
e alla solita vita voler ritornare.
(Angelica Paparella)

Dalla mia finestra…
Dalla mia finestra vedo
le case e i raggi del sole mentre risplendo
al suo calore.
Mi faccio avvolgere dal silenzio mentre passan le ore
e tra inni spensierati
ci sono cuori incoraggiati.
È arrivata la fine del dì
e mi tornano in mente i momenti della giornata
in cui non sono stata tanto impegnata.
(Marinella Basile)

Dalla mia finestra…
Mi affaccio alla finestra:
cosa vedo alla mia destra?
La strada deserta fa da padrona
e la tristezza in me risuona.
Tutti in casa sono rinchiusi
Perché il virus ci ha raggiunti.
Sui balconi le bandiere italiane
Son presenti tutte le settimane.
Nei pomeriggi con felicità e speranza
S’innalza l’inno di Mameli, simbolo di fratellanza.
Ma per le strade il silenzio assordante
Resta, mentre nel cuore di ogni abitante
C’è un pianto incessante.
Però dalla mia finestra vedo anche
Un grande prato, di margherite bianche
Che sembra dirmi: tranquilla tutto finirà
Ed ognuno riavrà la propria libertà.
(Morena Di Modugno)

Dalla mia finestra…
Dalla mia finestra vedo…
in lontananza delle grandi mura
imponenti, forti che sembrano proteggerci.
Ai suoi fianchi un prato…
Che in questo momento sembra volerci dire:
tranquilli tra un po’ si tornerà alla normalità.
Questi giorni non passano mai ma a volte
pur di passare il tempo, lo fisso da lontano e
sembra mi vuol far capire che ANDRÀ TUTTO BENE.
(Giuseppe Gattullo)

Dalla mia finestra vedo…
Dalla finestra vedo
tanti pini
su cui volano
tanti uccellini grigi e marroncini.
Una famigliola di gatti
pronta a mangiar
e tutti che camminano quatti quatti.
Nel cielo non so dove e come,
ci sono stelle che brillano senza nome.
(Paolo Basile)

Precedente Poesie in... quarantena Successivo Autismo, persone improgionate, desiderose di libertà