Lettera al soldato ucraino morto sul ponte

di Giulia Contalbo, 3B

Caro Vitaly Skakun Volodymyrovych,

soldato ponte

sono una ragazza di terza media che ascoltando i telegiornali ha capito che un uomo potrebbe fare di tutto per la sua patria. Appena saputa la notizia mi sono domandata come mai un ragazzo così giovane abbia deciso di perdere la vita pur sapendo che a casa lo aspettava la moglie e la figlia. Non tutti hanno questo amore per la propria patria e sono sicura che non verrai dimenticato così facilmente.

Il tuo gesto può sembrare inspiegabile ma in realtà, nonostante la tua morte, è stato un gesto di altruismo e patriottismo. Il tuo sacrificio è riuscito a “rallentare in modo significativo l’avanzata del nemico”, dando inoltre il tempo alle forze di Kiev di riorganizzarsi per aumentare le difese in quell’area. Ora il comando militare intende assegnarti “un riconoscimento postumo per il tuo atto eroico”.

Sono sicura che starai pregando per noi, e starai sperando che la pace e il dialogo sia una valida alternativa, in questi giorni stanno morendo tanti civili e soldati e mi fa rabbia pensare che delle giovani vite come la tua si siano interrotte a causa dell’insensatezza di questa guerra.

Giulia

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi