Crea sito

Insieme per l’ambiente. Lettera aperta al Ministro Costa

Ruvo di Puglia 17 gennaio 2021. 
Illustrissimo Ministro dell’Ambiente Sergio Costa,  

mi chiamo Domenico e frequento la seconda media a Ruvo di Puglia, un bellissimo paese in Provincia di Bari.  

Sento di scriverLe, in questo momento particolare perché ascolto nei vari telegiornali, documentari e grazie ai continui stimoli delle mie insegnanti, un tema molto particolare, ponendo attenzione al futuro del nostro Pianeta fortemente compromesso dal surriscaldamento globale causato principalmente alle emissioni di gas a effetto serra prodotte dalle attività umane.  

E’ ben noto che per generare elettricità, alimentare automobili, riscaldare le case, far funzionare le industrie, insomma per vivere come viviamo oggi, sono utilizzati soprattutto i combustibili fossili che liberano nell’atmosfera notevoli quantità di gas serra con l’effetto di trattenere più calore sulla Terra. Le foreste e gli oceani, che sono gli unici a poter trasformare l’anidride carbonica in ossigeno, d’altra parte non sono adeguatamente protetti basti pensare all’inquinamento delle acque, alle deforestazioni e agli incendi.  

Ne consegue lo scioglimento dei ghiacciai, l’innalzamento del livello del mare che secondo alcuni scienziati potrebbe aumentare nel Mediterraneo di 60 centimetri entro la fine del secolo mettendo in discussione il futuro di Venezia e di molte altre zone della penisola italiana.  

Sono certo, però, che gli esseri umani possano trovare ed attuare rimedi per poter frenare questa situazione così come l’hanno creata.  

Di certo i risultati non potranno essere immediati ma vanno adottate delle misure rapide, efficienti dove ogni singolo cittadino deve essere attore di un cambiamento, proprio come il protagonista del libro “L’uomo che piantava gli alberi” che nel suo silenzio, piantando una ghianda dopo l’altra, ha realizzato una straordinaria foresta. L’impegno, la costanza, chiari obiettivi, permettono di raggiungere i risultati e se utilizzati i giusti criteri la natura sarà di sostegno.   

Noi cittadini, possiamo certo essere più attenti nella nostra vita quotidiana, nelle piccole scelte per risparmiare energia come spegnere le nostre playstation, o non lasciare scorrere troppo l’acqua dai rubinetti, consumare meno carta, cercare di ridurre la plastica, aiutare il più possibile nella raccolta differenziata ed utilizzare le bici per gli spostamenti.  

Tutto questo però, deve essere accompagnato da scelte molto più importanti: quelle che assumete voi al Governo.  

Mi piacerebbe vedere più case con i pannelli solari, vedere che sempre più fabbriche siano alimentate da fonti energetiche rinnovabili e che questi sistemi non fossero costosissimi ma possano essere alla portata di tutti.   

Penso che ognuno debba fare delle scelte su cui investire. Io, come credo tutta la popolazione mondiale, vogliamo investire sul nostro futuro. Metteteci anche voi, decisori delle linee del Governo, nella possibilità di poterlo fare. Investite anche voi, nell’utilizzo di fonti rinnovabili anche se hanno un costo elevatissimo. Non sempre le scelte economicamente vantaggiose sono quelle corrette. In questo caso, non lo sono assolutamente.   

Sono certo che possiamo guardare avanti, tutti assieme, nella giusta direzione, per un futuro migliore.  

La ringrazio per avermi dedicato un po’ del suo prezioso tempo.  

Domenico, un ragazzo che crede in un futuro ambientale migliore e sano.  

Classe 2As