Icardi, si sente la mancanza

Giovedì quattordici marzo si è disputato il match tanto atteso, il match in cui si è deciso chi dovesse continuare il viaggio in Europa League. Dopo il pareggio dell’Inter col Francoforte all’andata per 0-0, la squadra di Milano era la favorita, nonostante questo l’Inter ha perso per ben 1-0 con gol di Luk jovic che secondo la maggior parte dei tifosi, delle app calcistiche e dell’allenatore si sia meritato il titolo di miglior giocatore. Spalletti, attuale allenatore dell’Inter, ha affermato in un’intervista che la squadra non ha girato bene e che non hanno dimostrato le sue vere capacità, lo stadio era diviso in due, una parte che piangeva e l’altra che gridava, esultava, saltava, piangeva di gioia . Tifosi fuori dallo stadio erano amareggiati, delusi, arrabbiati per la prestazione della loro squadra, affermando che se giocano ancora così perdono il derby; ma perché sono così imbestialiti i tifosi interisti? Andiamo a fare una breve cronaca della partita. Il calcio d’inizio lo batte l’Inter perdendo subito palla, gli avversari ripartono rasoterra di Kostic dalla fascia Handanovic si distende e riesce a prendere il pallone che rimpalla su Haller che segue un tiro di potenza che viene deviato dalla traversa, subito al quinto minuto lancio lungo errore di De Vrij che si fa superare e Jovic con un tocco leggerissimo beffa il portiere e la palla va in rete. La partita continua con errori della difesa da parte di Vecino e De Vrij che sembravano persi in campo ma fortunatamente Handanovic è riuscito a bloccare tutti i cross dalla fascia e ogni volta a rinviare la palla all’esterno sinistro Perisic che perdeva continuamente palla senza nessun risultato in area. All’inizio del secondo tempo Spalletti prova a cambiare modulo nel tentativo di far reagire la squadra con vani risultati la partita continua con il franco forte che comunque prova a segnare ma restando più difensivi e i nerazzurri che non riescono a concretizzare le giocate; la mancanza di un perno in attacco come Icardi si sente molto e si ripercuote sulle prestazioni. Una squadra che possiede molti top player come l’Inter non può uscire dall’Europe League con una squadra sulla carta molto più debole, serve una rinfrescata!

foto: Corriere dello Sport

Christian D’Ingeo, redazione

Precedente Un pellegrino e un'asina a scuola. Video Successivo Pericolo lungo l'extramurale