Di Ruvo il nuovo “Willy Wonka”

Di Eufemia Daraio

Il cioccolato da sempre ha ispirato registi e scrittori, e un esempio è il libro e film da esso tratto La fabbrica di cioccolato di R. Dhal. Il cioccolato è amato da adulti e bambini in tutte le sue varietà, dal fondente al cioccolato al latte e a quello bianco.

Ma non tutti sanno che qui a Ruvo c’è un famoso “Willy Wonka” del cioccolato: il maestro signor Giuseppe Berardi a cui abbiamo rivolto queste domande.

Di Eufemia Daraio

Come è nata la passione per il cioccolato?” “Il cioccolato deve piacere, non si fa avvicinare da tutti perché per produrlo bisogna portarlo ad una temperatura di scioglimento e raffreddamento per poter cristallizzare sia il burro di cacao che gli zuccheri. La mia passione è nata perché amo il cioccolato infatti per seguirla sono andato a 13 anni in Svizzera, per imparare i segreti di quest’arte.

Ha avuto un insegnate che l’ha guidata nel suo percorso?” “Le basi mi sono state date all’età di 7 anni dal signor Pellicani, alla pasticceria Bar Fiamma che era uno dei più famosi negli anni 60. Successivamente sono stato alunno del signor Petrarota  dell’omonima pasticceria di piazza Castello, ma ho sempre fatto corsi di aggiornamento in tutto il mondo”.

Come si distingue un cioccolato di alta o bassa qualità?” “L’alta qualità si percepisce quando un cioccolato mangiato nel sotto palato rimane vellutato mentre è di bassa qualità quando rimane granuloso in bocca. L’unico problema è che al giorno d’oggi siamo tutti abituati a mangiare il cioccolato industriale e non quello artigianale.

Ha mai utilizzato il cioccolato per piatti salati?” “Certamente 15 anni fa ho fatto una prima cena a base di cioccolato, ma tutt’ora abbiamo nel nostro menu à la carte un piatto di tagliatelle al cioccolato con una salsa di parmigiano.”

Quali sono le fasi di lavorazione del cioccolato?” “Viene prima raccolto sotto forma di meloncino, si fa maturare, si spacca e si ottengono le fave di cacao messe ad essiccare al sole. Delle macchine eliminano le impurità del cacao e vengono schiacciate ottenendo come prodotto finale le comuni stecche di cioccolato.”

Alcuni suoi allievi hanno seguito la sua passione?” “Si, i ragazzi che ho seguito sono sparsi in tutto il mondo.”

“Qual è il gusto di cioccolato che ama di più?” “Sicuramente amo il cioccolato fondente che fa molto bene alla salute e all’organismo.”

Di Eufemia Daraio

“Che tipo di cioccolato utilizza per le sue creazioni?” “Utilizzo il cioccolato puro e non quello surrogato e sono stato uno dei primi a proporlo con successo a Ruvo nella mia pasticceria.”

Quali sono state le creazioni più importanti fatte con il cioccolato?” “Ho creato Castel del Monte con due quintali circa di cioccolato, un uomo in cioccolato che qualche anno fa è andato in prima pagina sulla Gazzetta del Mezzogiorno.”

Di Eufemia Daraio

Ha partecipato a concorsi sul cioccolato?” “Ho partecipato e creato concorsi.”

Attualmente la gestione del ramo della cioccolateria Berardi è affidata al figlio Giandomenico che a breve insegnerà all’accademia del cioccolato di Milano.

Per concludere in dolcezza l’esperienza abbiamo gustato un tortino al cioccolato fondente con crema pasticceria al cioccolato e un’ottima cioccolata calda.

Di Eufemia Daraio

Eufemia Daraio e Mara Campanale, redazione

 

Precedente Combattiamo l'inquinamento Successivo Mons. Cornacchia a scuola, una visita speciale. Video e fotogallery