Cari professori…

Cari professori,
siamo giunti alla fine di questo triennio pieno di ricordi indimenticabili. Abbiamo deciso di scrivere questa lettera per ringraziarvi di esserci stati sempre di supporto e di aver creduto in noi anche quando tutti ci giudicavano dalle apparenze senza conoscerci veramente per quello che eravamo ed ora siamo ed è grazie a voi che siamo cresciuti senza dare importanza a quello che pensavano di noi. Da ognuno di voi abbiamo imparato qualcosa nel corso di questi tre splendidi anni:
dal professore Antonelli abbiamo imparato l’importanza di ascoltarci e comprenderci imparando a conoscere ogni piccola parte di noi.
Dal professore De Bari abbiamo imparato a non giudicare dalle apparenze ma puntare sulla personalità, il tutto è stato appreso durante quest’anno scolastico; né è un esempio un uomo Nick Vujicic nato senza gambe e senza braccia e che all’inizio riteneva una sfortuna che successivamente si è rivelata un’opportunità per trasmettere forza al mondo per chi come lui all’inizio ha creduto di non potercela fare.
Dalla professoressa Di Terlizzi abbiamo appreso che tutto ciò che impariamo è nostro dovere condividerlo con gli altri.
La professoressa Grieco ci ha dato le basi per imparare in modo semplice una lingua per noi nuova…ma soprattutto a rispettare il turno del bagno e ad aprire le finestre dopo l’ora di educazione fisica.
Dalla professoressa Iosca abbiamo imparato i valori di far parte di un vero gruppo classe e di rispettarlo come se fosse una seconda famiglia.
Il professore Lacedonia ci ha fatto apprendere l’importanza del FairPlay applicandolo anche nella vita quotidiana.
Dal professore Ladisa abbiamo appreso il valore della condivisione applicandolo nella nostra vita quotidiana.
La professoressa Lobosco ha cresciuto il senso di responsabilità in ognuno di noi preparandoci ad affrontare una nuova fase di vita.
La professoressa Mastropierro ci ha spinto a fare sempre di più al fine di migliorarci e di superare quelli che noi pensavamo fossero i nostri limiti.
La professoressa Spaccavento ha fatto emergere il lato creativo che ognuno di noi possiede.
Grazie per averci insegnato a gustare la vita da più punti di vista.
Grazie per averci accompagnato in questo tratto di strada chiamata Vita.
Grazie per aver creduto in tutti noi, senza esservi fermate alle apparenze.
Grazie per averci aiutato a coltivare le nostre passioni.
Grazie per non esservi arrese e aver continuato a sperare che qualcosa in noi cambiasse.
Grazie per averci aiutato a volerci bene a vicenda.
Grazie per aver chiuso un occhio ogni volta che dicevamo: “Prof, vengo la prossima volta”.
Grazie per averci imposto dei limiti.
Grazie per averci regalato sorrisi.
Grazie per averci insegnato a crescere.
Grazie per averci insegnato ad esprimersi e non solo nelle interrogazioni.
GRAZIE PER ESSERCI STATI SEMPRE

La 3Ds

Precedente Esami di terza media: presentazioni multimediali e buone pratiche Successivo Il bello nel Covid/1