Caro diario ti scrivo…

Caro diario ti scrivo…

18 Marzo 2020 (14° giorno di reclusione in casa)

Caro diario,

è da molto che non ti scrivo e, se lo faccio è perché ultimamente ho molto tempo libero. A causa di un terribile e temibile  virus CODIV-19, che sta sconvolgendo il pianeta, mi trovo come tutti gli Italiani e altri cittadini del mondo, reclusa  in casa. Per un periodo di tempo  non determinato, dovrò prestare molta attenzione all’igiene per non contrarre il  virus “con la corona” poiché è facilmente trasmissibile e spesso letale.

Nella mia famiglia si respira un clima di forte tensione alternato a qualche momento di serenità. La mamma presta molta  attenzione ad igienizzare gli ambienti casalinghi e papà è particolarmente premuroso e attento alle nostre esigenze quotidiane dettate dall’emergenza e dalle restrizioni.

Io,  per mantenere la calma e non farmi travolgere dall’agitazione generale, trovo sempre qualcosa da fare e ho riscoperto alcuni “antichi” hobby. Mi dedico alla cucina, alla lettura, alla cura della mia cameretta, alla scuola mediante le videolezioni, alla scrittura, ai giochi da tavola (che fino a qualche settimana fa erano sepolti nei cassetti) e anche alla visione di film. In questo periodo sto riscoprendo la bellezza e il calore della vita familiare.

Mi mancano le passeggiate domenicali, la scuola di danza, le visite ai nonni… ma la privazione più forte riguarda la scuola e tutto ciò che ruota attorno: i compagni di classe, le loro battute divertenti, le nostre grasse risate, i nostri sguardi di complicità e infine mi mancano i professori con le loro lezioni e temute verifiche.

Per fortuna, grazie alle nuove tecnologie, continuo ad essere in contatto con i compagni attraverso  le videolezioni che ci permettono di proseguire la nostra formazione scolastica  e di mantenerci sempre in allenamento.

Mentre scrivo, ascolto in sottofondo il giornalista televisivo che comunica il numero dei contagiati: oltre ventiquattromila…la situazione è peggiore rispetto ai giorni scorsi e un senso di impotenza e di angoscia mi priva della serenità. Sembra una guerra con il suo coprifuoco, con i suoi morti, feriti e sopravvissuti. Una guerra “moderna” i cui soldati in prima linea sono medici, infermieri e personale sanitario che  con la loro uniforme bianca combattono un potente nemico invisibile. Loro, insieme ai ricercatori, sono i nostri eroi, gli eroi del 2020!

Sono giorni terribili, è una prova  dura e inattesa, un “chiuso morbo” ha messo in discussione le nostre certezze e i nostri equilibri.Approfittiamo di questo tempo per mettere ordine nella nostra vita, per stabilire una graduatoria di valori e priorità da rispettare quando la “tempesta” sarà passata.  Il valore che occupa il primo posto nella mia  lista  è la vita con tutte  le sue bellezze.

Ti saluto diario, spero di scrivere presto buone notizie.

Martina Di Bitonto, 3F “Cotugno”

Precedente Quel brutto mostriciattolo chiamato Covid-19 Successivo Facciamo diventare virale #l'amore

Lascia un commento