Crea sito

Una speciale dedica a Luigi Pirandello

Luigi Pirandello è stato un poeta ,drammaturgo e scrittore italiano molto importante, perché ha capito una cosa che le altre persone non avevano ancora capito  

pirandello

Luigi Pirandello, nonostante sia vissuto in un’epoca storica molto difficile, ma allo stesso tempo importante, ossia la prima guerra mondiale e una parte del ventennio fascista, è riuscito a vincere due anni prima della sua morte avvenuta nel 1936 il Nobel per la letteratura. Ma come ha fatto? Ha capito una cosa importante, ovvero che noi appena conosciamo una persona lei si fa già un’idea di come siamo e dei nostri comportamenti in una determinata situazione, come se il suo carattere fosse una maschera che si indossa. Quando noi decidiamo di cambiare qualcosa del nostro carattere, ovvero ci togliamo la maschera, i nostri conoscenti continueranno a vederci come eravamo precedentemente, continuando a seguire i vecchi comportamenti, come se indossassimo ancora la vecchia maschera. Ciò ci porta a soffrire, perché chi conosciamo prima non ci apprezzava in un certo modo, noi siamo cambiati e non veniamo ancora apprezzati. Possiamo quindi dedurre che il cambiamento non sempre può essere positivo. Ciò è quello che è scritto in Il Fu Mattia Pascal, storia scritta da Pirandello che racconta di un uomo che viene ritenuto morto, perché scambiato con un’altra persona che era appunto morta e si credeva fosse proprio Mattia Pascal. A questo punto il protagonista coglie quest’occasione per fuggire e cambiare vita e identità, perché per come era prima non era felice, ma si accorge che anche con la nuova identità non è felice.

Per questo ragionamento fatto da Pirandello io lo riterrei anche un filosofo, oltre che per le professioni già citate perché è stato molto capace di studiare i nostri comportamenti in determinate situazioni. 

Francesca Ficco, 3Ds, redazione